« Indietro

“Digital Transformation: non è un paese per vecchi”… Falso!

Secondo la ricerca VMware, i lavoratori fra i 35 e i 44 anni hanno maggiori capacità di guida a innovazione e cambiamento in azienda. I più “vecchi” provano a sviluppare competenze digital più tecniche.

La Digital Transformation non è guidata solo dai cosiddetti millennials. Il mito è stato recentemente sfatato da VMware che, in un ampio studio condotto a livello internazionale, dimostra che anche in Italia le digital skills non sono solo prerogativa dei più giovani. Sono infatti i lavoratori fra i 35 e i 44 anni coloro ai quali è riconosciuta la maggiore capacità di guida a innovazione e cambiamento in azienda. I millennials (25-34 anni) risultano invece i più abili a gestire la flessibilità lavorativa derivante dai processi di Digital Transformation. Benché siano i lavoratori con minori digital skills all’attivo, gli intervistati fra i 45 e i 54 anni sono coloro che stanno sviluppando competenze digital più tecniche: uno su due dichiara di cercare consulenza e formazione per lo svliluppo di app, mentre un terzo degli over 55 è interessato a scrittura codici e creazione contenuti per il web. Detto ciò, risulta più difficile affermare che la Digital Transfrormation non sia un paese per “vecchi”…

Dalla ricerca VMware si evince inoltre che il 75% dei lavoratori italiani intervistati ritenga che digital skills in azienda siano fondamentali per competitività e business dell’impresa. Sfruttare tali competenze significa migliorare la collaborazione fra colleghi (69%) e incrementare il profitto dell’azienda entro cinque anni (71%).

Emerge però un dato negativo: solo un lavoratore su due è convinto di poter sfruttare pienamente le proprie competenze digitali in ambito business. Ciò perché esistono ancora degli ostacoli che rallentano i processi di innovazione tecnologica: digital non ancora integrato con gli obiettivi personali (48% in Italia), mancanza di risorse economiche (44%), difficoltà a invertire ritmi e modalità lavorative (41%), policy aziendali troppo restrittive (39%), mancanza di sostegno da parte dell’IT aziendale (35%).

Dunque come ovviare a tali problemi? Il 62% degli intervistati suggerisce maggiori investimenti nella formazione per sviluppare competenze digitali (62%), riconoscimenti aziendali verso i dipendenti che utilizzano digital skills (52%), sviluppo di una maggiore cultura digitale (48%).

Contatta i nostri esperti