« Indietro

“Mobile Only”, una moda tutta italiana

Da una ricerca comScore si evince che due italiani su 10 utilizzano i device mobili come unici strumenti di navigazione. Nessuno meglio di noi in Europa.

L’Italia è il Paese europeo in cui è più alto il tasso di internauti che si collegano al web unicamente da smartphone e tablet. Lo dice una ricerca comScore, che ha rilevato le abitudini in rete nei principali mercati occidentali. Ad aprile 2015, ad esempio, il numero di italiani connessi ha raggiunto quota 35,4 milioni; di questi il 43% ha navigato sia da desktop sia da device mobili. In particolare, 29,2 milioni si sono collegati da PC e 21,3 con smartphone o tablet. Benché non si registrino ancora dati astronomici come quelli di Regno Unito (72% della popolazione connessa) e Stati Uniti (63%), sicuramente la fruizione del web in Italia è in continua crescita. Tuttavia, ciò che balza all’occhio dallo studio comScore è la centralità degli smarphone nelle esperienze online degli utenti italiani. Nessuno in Europa utilizza più di noi i device mobili come strumenti unici di navigazione. Il cosiddetto “mobile only” in Italia raggiunge il 17% della popolazione Internet nazionale. Ciò significa che ben 6,2 milioni di persone non usano il PC per connettersi; solo la Spagna, a livello europeo, fa registrare numeri simili. Coloro che invece vivono il web come un’esperienza quotidiana multipiattaforma sono circa il 60% degli internauti italiani. Tale abitudine è particolarmente sentita fra gli utenti appartenenti alla fascia d’età 25-44 anni. Tuttavia nell’ultimo trimestre gli over 55 hanno fatto registrare il più considerevole incremento di utilizzatori multipiattaforma. Secondo Fabrizio Angelini, Ceo di Sensemakers che rappresenta comScore in Italia, “la percentuale di navigatori multi-device è un buon indicatore del grado di evoluzione nella fruizione di internet in un mercato”. La navigazione cross-device infatti è generalmente considerata come la più completa e integrata di tutte le potenzialità del web.