« Indietro

Arriva l’ecommerce made in Google

Presto il motore di ricerca più importante del mondo farà il suo debutto nel mondo del commercio elettronico. I “buy button” nella pagina ricerche consentiranno acquisti online immediati.   

Se anche Google ha deciso di puntare sull’ecommerce significa che la diffusione del commercio elettronico nel mondo procede a ritmo davvero incalzante. Gli investimenti di Mountain View in tal senso si concentreranno prevalentemente sulla predisposizione di un pulsante “acquista”, che comparirà insieme ai risultati delle ricerche effettuate via mobile. Secondo le anticipazioni del Wall Street Journal, il più importante motore di ricerca al mondo potrebbe trasformarsi, a breve, in un negozio online più esteso dei giganti Amazon, eBay e Alibaba. Miliardi di affezionati di Big G potrebbero abbinare le proprie attività di ricerca informazioni e feedback su un prodotto alla procedura di acquisto dello stesso, tutto sulla stessa piattaforma. Ma la vera differenza tra utenti Amazon/eBay/Alibaba e quelli di Google è che i primi sono e saranno unicamente degli e-shopper mentre i secondi continueranno a essere prima di tutto degli individui, che si interfacceranno al motore di ricerca per le esigenze più disparate. Dati e preferenze degli utenti, raccolti quotidianamente da Mountain View, saranno elementi preziosi per indirizzare i consumatori o addirittura portare offerte commerciali in aree di interesse dei potenziali clienti. Dunque Google non sarà più in posizione intermedia fra consumer e marketer ma si porrà direttamente sul piano di questi ultimi. A beneficiare di questa novità saranno inizialmente gli statunitensi che, già dalle prossime settimane, potranno cliccare sul “buy button” dai propri dispositivi mobili. Altre indiscrezioni sulla nuova funzione giungono sempre dal WSJ: secondo il quotidiano americano il nuovo pulsante per gli acquisti comparirà assieme ai risultati delle ricerche sponsorizzate (suggerite a pagamento da Google), in testa alla pagina e sotto l’etichetta “Shop on Google”. Cliccando sul “buy button” si accederà a una pagina web targata Big G, all’interno della quale sarà possibile personalizzare l’acquisto (misure, taglie, colori e quantità) e infine completarlo. Le modalità di pagamento online accettate saranno numerose e la registrazione dei dati utente sarà richiesta una sola volta: al venditore sarà trasferito solo il denaro a processo ultimato, non le informazioni personali degli shopper. Contrariamente da Amazon ed eBay, Google non tratterrà una percentuale dell’incasso alle società venditrici ma applicherà lo stesso modello già attivo per l’advertising. Con tale scelta Big G mira ad accattivarsi le simpatie dei grandi retailer, da sempre restii al pagamento delle scomode royalties. I grandi player dell’ecommerce tremano. Google potrebbe davvero rivoluzionare l’intero settore e stabilire nuove gerarchie a livello internazionale. Ma non è tutto. Anche Facebook si appresta investire nelle vendite online. Presto una funzione “acquista” potrebbe apparire su smartphone e tablet attraverso l’app Messenger. Che vinca il migliore…