« Indietro

Come investire in Information Technology nel 2016

Trasformare le operation, adottare il Cloud e sviluppare App in maniera sempre più rapida. Queste le principali indicazioni fornite dagli stessi decision maker internazionali.

Spesso seguire i trend del momento e osservare le attività dei competitors significa incrementare il business. Le aziende che hanno ancor dubbi su come investire in Information Technology nel 2016, dovrebbero leggere i dati pubblicati nella ricerca “State of IT Transformation”, condotta da EMC e VMware. Il sondaggio ha interessato 660 decision maker, le cui società sono in fase di profondo cambiamento in senso digitale.

Denominatore comune alla stragrande maggioranza delle aziende, indipendentemente dal settore di appartenenza, è la volontà di migliorare e rendere più agili i propri servizi IT. Ma per trasformare le operation in azienda occorrono strategie e tempistiche condivise che solamente il 55% delle società dichiara di aver pianificato. In ogni caso, ciò che sembra essere il vero pensiero comune fra i decision maker riguarda la standardizzazione dei servizi IT in cataloghi business-focused con portali self service e la loro automatizzazione, prevedendo: Provisioning delle risorse (il 77% degli intervistati vorrebbe attuarla in meno di un giorno); Financial management (per l’87% delle aziende i costi IT sono allocati su base annuale o su progetti); Metering (l’88% delle società sarebbe intenzionata ad automatizzare il track risorse di ciascuna business unit).

Ed eccoci al Cloud, altra grande indicazione su come investire in Information Technology nel 2016. Per avere dipartimenti IT snelli ed efficienti occorre implementare infrastrutture digitali con tecnologia “nuvola”. Quasi tutte le società intervistate dichiarano di voler virtualizzare per l’80-100% i propri storage e applicazioni.

In ultima analisi, ci concentriamo proprio sulle App, il cui sviluppo in ambito business è sempre più caldeggiato. Ma per poter offrire servizi davvero efficaci, le aziende dovrebbero accorciarne i tempi di realizzazione. La condizione ideale per rendedere le App davvero funzionali al business prevedrebbe un loro sviluppo in tempi quasi record: due settimane.