« Indietro

Il futuro del lavoro in 7 trend

Le PMI ai tempi dell’era digitale, cosa cambierà nei prossimi anni? La percezione del lavoro sarà molto diversa da quella attuale, la tecnologia inciderà su tempo e spazio.

Immaginarsi fra qualche anno seduti alla solita scrivania, circondati dal tradizionale arredamento da ufficio e intenti a svolgere le mansioni più consuetudinarie, potrebbe rivelarsi un grande errore di valutazione. Tecnologia che avanza e cultura digitale che si diffonde sono fenomeni che mutano, non solo azioni quotidiane e relazioni interpersonali, ma anche ambienti di lavoro e organizzazione delle risorse umane. L’immaginario collettivo di workplace ben definiti da pareti e spazi fissi, e precisi confini temporali (orari lavorativi) presto assumerà connotati profondamente diversi. Il mobile sta abbattendo in maniera irreversibile una serie di dogmi intoccabili fino a pochi anni orsono, e sta rivoluzionando anche i più consolidati business plan. A tal proposito Polycrom ha individuato i trend tecnologici che con ottime probabilità concorreranno al rinnovamento del modus operandi di molti lavoratori.

Le aziende del futuro utilizzeranno strumenti di collaboration per ampliare le capacità di business e abbattere tempi e distanze. Asseconderanno le singole preferenze di ciascun lavoratore attraverso il miglioramento di strumenti quali e-mail, telefonia, social media e condivisione video/contenuti.

La videoconferenza sarà una delle massime espressioni di collaboration. Entro il 2016 potrebbe addirittura sostituire le mail per quanto concerne la comunicazione fra colleghi. Decisiva risulterà l’integrazioni fra diversi strumenti di collaboration (condivisione voce, video e content all’interno di ciascun sistema di comunicazione aziendale interna) e nuove tecnologie (WebRTC, video standard-based ed SDK implementate).

Ambienti di lavoro più ridotti o a distanza, diffusione di soluzioni open space e di aree ipertecnologiche. Rimozione dell’inquinamento acustico, regolazione ottimale della luminosità e uso intensivo di lavagne digitale. Le aziende si preoccuperanno molto di garantire ai propri lavoratori connessioni internet in qualunque posto in qualunque momento.

Vivremo la cosiddetta era della “Supermobility”, con oltre 2,4 miliardi di smartphone nel mondo entro il 2018, con un rapporto device mobili/pc pari a 6:1. Il mobile garantirà ai lavoratori il 100% di funzionalità e strumenti necessari per essere produttivi in movimento (es. NFC, Wifi…).

PMI sceglieranno soluzioni voce, video e contenuti basate sulla tecnologia cloud computing.

Nel 2015 le aziende si rivolgeranno a browser web per ottenere funzioni di comunicazione semplici ed efficaci all’interno dei vari flussi operativi.

Le riunioni in azienda saranno organizzate secondo modalità differenti e più tecnologiche rispetto al passato. Comunicazioni più semplici e intuitive, indipendentemente dal luogo in cui si trovano dai device che utilizzano i partecipanti del meeting. Le soluzioni di videoconferenza si connetteranno semplicemente a servizi di terze parti (es. Skype for Business).