« Indietro

Innovazione e soluzioni tecnologiche? Gli italiani votano SI!

L’indice Ifiit rivela una grande fiducia nella Digital Transformation da parte degli imprenditori del nostro Paese. Investimenti tecnologici in salita nonostante le difficoltà di reperimento credito.

Innovazione e soluzioni tecnologiche? Ovvio che SI! Cresce la fiducia degli italiani intorno a tutto ciò che concerne mondo digital e nuove frontiere del progresso. Lo conferma l’indice Ifiit che, nel mese di ottobre, raggiunge i 35.40 punti, miglior risultato dell’ultimo biennio.

Imprenditori e decision maker pongono sempre più attenzione alle soluzioni tecnologiche implementabili nelle proprie aziende e considerano la tecnologia una grande risorsa per il miglioramento dell’organizzazione interna e l’incremento delle prospettive di business. Tuttavia permane una diffusa criticità di reperimento credito che spesso influisce significativamente sulle scelte di medio e lungo termine.

Quali sono i settori più interessati all’innovazione? Senza dubbio il meccanico, il chimico-farmaceutico e i trasporti. Le soluzioni tecnologiche per il business sono tuttavia molto apprezzate anche in comparti tipici del made in Italy quali moda, arredamento e agroalimentare. Tra gli imprenditori intervistati (70%) emerge inoltre un’opinione comune molto forte: il gap ancora troppo consistente in termini di infrastrutture tecnologiche fra l’Italia e gli Paesi cosiddetti “progrediti”.

Tutti siamo a conoscenza della diffusa politica di riduzione dei prestiti bancari a startup e PMI e della conseguente difficoltà a investire in soluzioni tecnologiche ma esistono anche teorie economiche in controtendenza con tale assunto. La propensione all’investimento può crescere infatti anche in tali situazioni. Come? Ad esempio, da qualche mese abbiamo segnali di una progressiva ripresa economica sia a livello nazionale sia internazionale. Proprio la fiducia in tale trend produce e produrrà maggiore tendenza all’investimento. In seconda analisi, dobbiamo considerare tutte quelle aziende in possesso di risorse tali da riuscire a svolgere in maniera autonoma e continuativa azioni volte al miglioramento organizzativo e di competitività.