« Indietro

Soluzioni ecommerce: come adeguarsi ai trend 2015?

Una ricerca Criteo offre validi spunti per aggiornare la vostra piattaforma per il commercio elettronico e rivedere qualche strategia di marketing. Datasys li ha riassunti per voi…

Come cambieranno le soluzioni ecommerce nel 2015? Quali novità dovremo aspettarci dagli e-marketer più influenti del pianeta? Le risposte le troviamo nel report “eCommerce Industry Outlook 2015” stilato da Criteo, la nota azienda tecnologica specializzata in performance advertising. Dall’esame di miliardi di transazioni online si evince quanto il miglioramento delle capacità cross-device sarà fondamentale per coloro che vendono sul web. Ben il 58% dei manager del settore retail e delle agenzie pubblicitarie credono infatti che l’aspetto tecnologico sia fondamentale per le proprie strategie di marketing mobile. Quindi grande attenzione allo sviluppo di siti e applicazioni per la fruizione da smartphone e tablet, e massimo sforzo per ottimizzare la targettizzazione dei consumatori poiché, come afferma Eric Eichmann, (presidente e COO di Criteo), “il 2015 sarà un anno dinamico per il settore eCommerce dal momento che il comportamento di acquisto online continua a evolvere rapidamente”. Le app su device mobili saranno sempre più diffuse poiché il coinvolgimento dei consumatori è considerato il fulcro del marketing contemporaneo. Inoltre il native advertising, (quella forma di pubblicità online che assume l'aspetto dei contenuti del sito sul quale è ospitata: es. promoted tweets di Twitter…), continuerà a crescere e sarà guidato dall’acquisto programmatico. E i negozi fisici? Subiranno la crescita delle vendite via web? Niente affatto. Nel 2015 gli imprenditori che vendono anche attraverso i cosiddetti canali tradizionali, concentreranno le proprie risorse economiche nello sviluppo di soluzioni ecommerce più moderne e funzionali. La multicanalità sarà dunque il leit motive del commercio del futuro: showrooming e webrooming a braccetto per incrementare le vendite. A nostro avviso, la contaminazione fra i due approcci dovrà essere totale affinché qualsiasi utente/cliente possa soddisfare almeno uno dei tre bisogni considerati fondamentali nel momento in cui entra in un negozio od osserva una vetrina digitale:

  • dare semplicemente uno sguardo ai prodotti;
  • chiedere informazioni rispetto a una specifica esigenza;
  • effettuare direttamente un acquisto.