« Indietro

Ricerca vocale e SEO, i trend 2018

Presto “manderemo in pensione” la tastiera dei nostri PC e le ricerche web saranno guidate dalla nostra voce. Le aziende sono pronte a una strategia SEO friendly di voice search? 

Tra i trend di web marketing del 2018, ricerca vocale e SEO si collocano sicuramente ai primi posti. L’uso sempre più frequente di device mobili sta “mandando in pensione” la tastiera a favore di una comunicazione più veloce e immediata. Ricerca vocale e SEO sono due facce della stessa medaglia e guideranno il business nei prossimi decenni. Sono soprattutto i giovanissimi infatti a prediligere la voice search ma la facilità di utilizzo e la precisione nelle risposte ottenute non tarderà a conquistare anche le altre generazioni.

Ecco quindi alcuni consigli utili su come ottimizzare la SEO per la ricerca vocale:

# LINGUAGGIO NATURALE E COLLOQUIALE - Chi effettua la ricerca vocale interroga il dispositivo come se stesse parlando con un’altra persona. Usare gli avverbi Chi, Cosa, Quando, Dove e Perché si avvicina molto al linguaggio colloquiale di chi sta cercando la risposta alle sue domande.

# UTILIZZO DI PAROLE CHIAVE LONG TAILLe parole chiave long tail sono quelle che rispondono a un’esigenza dettagliata, è quindi necessario iniziare a pensare al tipo di domande che potrebbero essere fatte e dare risposte complete, in modo che l’utente non sia costretto a effettuare una nuova ricerca.

# PAGINA “FAQ” - Creare la pagina “FAQ” all’interno di un sito web può essere un’ottima soluzione per rispondere in modo esaustivo a tutte le domande che potrebbero essere poste su un argomento e aumentare le visite sul sito.

# INFORMAZIONI AGGIORNATE - Per chi ha un’impresa o un’attività commerciale è indispensabile farsi trovare, tenere aggiornati quindi l’indirizzo, gli orari di apertura e i contatti è fondamentale per farsi trovare subito.

 

Successivo
Marketing Datasys
Messaggi: 241
Stelle: 5
Data: 25/01/18